• Lingua
  • Acquista
  • Login / Registrati
Soffri anche tu del SAD?

E’ arrivato l’autunno e come sempre porta dei cambiamenti a livello fisico ed emotivo che coinvolge un po’ tutti.

Le giornate si accorciano. Quando c’è il sole fa ancora caldo e stai in maglietta…a volta sudi proprio.

Poi al crepuscolo, appena tramonta ti metti subito la felpa perché fa fresco.

L’escursione termica è proprio la principale causa di raffreddori e malanni, ma anche un’indiscussa fonte di malessere psico-fisico.

Insonnia, stress, emicrania, nervosismo, sono solo alcuni dei fenomeni che ti fanno compagnia in autunno.

Insomma  il tuo orologio biologico fatica ad abituarsi a questi sbalzi e a volte ti fa strani scherzi.

Se ti guardi intorno i colori sono stupendi. Gli alberi sembrano dipinti apposta per dare un tocco di vivacità a questa stagione che invece nasconde tristezza, stanchezza e depressione.

L’autunno è insieme alla primavera la stagione più piovosa nel nostro Paese.

L’umidità ti fa sentire maggiormente i dolori reumatici, la rigidità muscolare e ti fai prendere un po’ dalla pigrizia.

Anche gli asmatici e gli allergici si sentono peggio nella stagione autunnale.

In questa fase dell’anno aumentano tutti quei fattori responsabili di questo tipo di disturbi: acari, umidità, pollini della paritaria, e naturalmente l’inquinamento urbano che provoca ancor più effetti deleteri  al rientro dalle vacanze.

Di la verità che se devi scegliere tra uscire o stare sul divano, opti per la seconda opzione.

Ma non è perché sei pigro o pigra.

E’ una cosa quasi normale e ti spiego anche il perché.

In autunno soffriamo un po’ tutti del SAD ovvero il Disturbo Affettivo Stagionale.

Gli esperti spiegano che questa sensazione che si manifesta tra l’autunno e l’inverno e porta tristezza e malinconia, è dovuta alla  diminuzione della serotonina ovvero un ormone che viene stimolato dalla luce del sole.

L’ormone del sorriso, così come viene chiamato, diminuisce molto nella stagione fredda, portando fastidi  fisici e psichici. 

Qualcuno afferma che per affrontare il SAD, il nostro organismo esiga più zuccheri nella stagione fredda, inducendoci a mangiare più dolciumi e in particolare cioccolato

Ma SAD o non SAD, questo non va bene.

Ti ricordo quanto fanno male gli zuccheri al fegato, al cuore, all’intestino e il loro effetto negativo dura anche in inverno…

Una soluzione alternativa molto valida ed efficace è il Magnesio.

Quel minerale di cui è carente l’80% della popolazione (inconsapevole) e che può esserti molto di aiuto.

In condizioni di stress, il nostro corpo tende a perdere magnesio. In che modo? Rispondendo allo stress con la produzione di ormoni che aumentano l’uscita del magnesio dai tessuti del nostro organismo.

Quando i livelli di magnesio si abbassano a causa dello stress, le conseguenze sul tuo corpo si manifestano in diversi modi.

Ti senti stanco, affaticato, teso e le attività quotidiane diventano difficoltose e pesanti. 

I livelli bassi di magnesio, inoltre, hanno la caratteristica di renderci a loro volta più sensibili allo stress, instaurando in questo caso un circolo vizioso.

Ecco perché è molto importante integrare il magnesio nel tuo organismo.

Ma non aspettare troppo perché prima lo fai e prima senti i benefici.

Allevia le contratture muscolari, combatte l’insonnia e contribuisce a ridurre il tuo stress (non ti risolve i problemi ma ti aiuta ad affrontarli con un’energia diversa).

Scopri qui quale magnesio assumere